Partager
Versione stampabileSend by email

Current Size: 100%

La fauna

Lilleau des Niges, il paradiso degli iccelli e degli ornitologi

  • Crédit : Incognito photographe

980 wurden die ehemaligen Salzwiesen Lilleau des Niges
unter Schutz gestellta riserva di Lilleau des Niges è stata creata nel 1980 su

 

La riserva di Lilleau des Niges è stata creata nel 1980 su vecchie saline.

 

 

Situata su una delle più importanti rotte migratorie d’Europa, questa riserva naturale ospita centinaia di migliaia di uccelli che vi trovano riparo: a irati da un’importante fauna che cresce nelle paludi, alcuni ne appro ttano per nidificare e riprodursi.

Provenienti dall’Africa, dalla Siberia, dalla Groelandia, dalla Scandinavia o dal Canada, oltre 300 specie sono state osservate dalla Lega Protezione Uccelli che, per poter classificarli, procede regolarmente al loro inanellamento.

Essendo il clima particolarmente mite d’inverno, proprio in questa stagione oche colombaccio, chiurli maggiori, martin pescatori oppure ostrichieri fanno uno scalo, ossia all’incirca 40.000 uccelli. In primavera, è possibile osservare la volpoca, il cavaliere d’Italia, l’avoce a, la sterna comune o, se si è fortunati, qualche pettazzurro. Al termine dell’estate, il falco pescatore, la garzetta e l’ibis sacro puntano il becco, dopo la partenza dei turisti.

Sulla strada che collega Les Portes ad Ars, cartelli pedagogici descrivono gli uccelli che è possibile intravedere; d’estate, sono approntati dei punti panoramici e chi è curioso potrà guardare a raverso binocoli le specie presenti.

Quando e dove è più facile vedere gli uccelli?

Soprattutto d’inverno e a primavera che sono i periodi di grande migrazione, e soprattutto nelle saline a marea alta: quando il mare è basso, le battigie del Fier d’Ars diventano irresistibili aree di rifocillamento ricolme di cibo facilmente accessibile. E poi, i versi degli uccelli vi diranno dove si trovano…

In programma

Tutti gli eventi